Il linfodrenaggio per la cellulite, un massaggio delicato

Il linfodrenaggio, utilizzato anche per combattere cellulite è un tipo di massaggio manuale molto delicato mirato alla riattivazione della circolazione sanguigna e linfatica e all’ eliminazione del gonfiore e del senso di pesantezza, soprattutto negli arti inferiori. E’indicato anche in particolari momenti della vita di una donna, ad esempio durante la gravidanza.

La linfa è il liquido che segue una circolazione parallela a quella sanguigna, raccoglie le sostanze di rifiuto e ne attiva lo smaltimento attraverso la normale funzione renale.

I vantaggi del massaggio linfodrenante a livello medico sono noti da molti anni. La linfa scorre verso i linfonodi, queste “sentinelle” si trovano in molte parti del corpo, sotto le ascelle, nelle pieghe dell’inguine e su ciascun lato del collo, giocano come filtro. Se il flusso della linfa ai linfonodi è carente, la pulizia non è fatta correttamente. Ciò potrebbe portare a diversi problemi di salute: nel nostro caso a gambe pesanti, cellulite o gonfiore alle caviglie.

linfodrenaggio

A cosa Serve I benefici

Il massaggio linfodrenante viene praticato principalmente con cerchi effettuati con le dita, pressione dei pollici, spinte delle mani sovrapposte l’una con l’altra, movimenti rotatori e schieramenti con palmi della mano. Lo scopo è quello di favorire il drenaggio naturale della linfa , liquido che trasporta i prodotti di scarto dai tessuti al cuore. Ciò aiuta a riattivare a migliorare la circolazione e di conseguenza ad eliminare la ritenzione idrica responsabile della cellulite.

Questa pratica nasce intorno agli anni trenta dallo studioso danese Emil Vodder, anche la medicina cinese ha dei legami con il linfodrenaggio,  che dopo anni di pratica la fa conoscere al mondo presentandola a Parigi nel 1936. Inizialmente veniva impiegata per curare alcune infezioni dell’organismo, attraverso la stimolazione della circolazione linfatica; solo in un secondo tempo è stata annoverata tra i trattamenti di medicina estetica. Il linfodrenaggio dedicato alla cellulite è un massaggio molto dolce, lento , delicato, non deve essere aggressivo , la pelle non si deve arrossire quando viene effettuato, ha lo scopo di facilitare lo scorrimento della linfa nei punti definiti “stazioni linfatiche”, favorendo l’immissione nel circolo sanguigno.

Come si fa

Viene praticato con pressioni molto leggere delle mani, ha anche un effetto rilassante e dona un piacevole senso di benessere generale. Per ottenere buoni risultati necessitano 15-20 sedute con cadenza bisettimanale.

Le basi teoriche per l’utilizzo di questa terapia si fondano sui seguenti concetti:

  • stimolare il sistema linfatico tramite un aumento della circolazione linfatica;
  • accelerare la rimozione dei rifiuti biochimici nei tessuti dell’organismo;
  • migliorare la dinamica dei fluidi del corpo, in tal modo facilitando la riduzione dell’edema ove presente )in caso di traumi sportivi ad esempio)
  • diminuendo le risposte del sistema nervoso simpatico, quindi aumentando il tono nervoso parasimpatico .

Il linfodrenaggio non va effettuato in caso di edema cardiaco, infiammazioni acute, ipertiroidismo, trombosi recenti, nell’asma o in presenza di linfonodi ingrossati che fanno male. Da evitare anche in presenza di flebiti o di particolari affezioni della pelle.

Il massaggio linfodrenante è riconosciuto come lo strumento primario per la gestione di linfedema (eccessivo accumulo di liquido linfatico). I terapisti specializzati hanno una certificazione ottenuta attraverso corsi molto mirati condotti da varie organizzazioni specializzate in questo tipo di trattamento.

Linfodrenaggio in gravidanza

in questo periodo particolare della vita di una donna il corpo è sottoposto ad una serie di sconvolgimenti ormonali. Tende a scendere il tono della circolazione sanguigna e linfatica a causa del feto che spinge sui vasi del ventre. C’è quindi un minor drenaggio dei liquidi interstiziali che ristagnano depositandosi su muscoli e pelle dando vita alla famosa pelle a buccia d’arancio.

Un massaggio linfodrenante permette alla donna in gravidanza di drenare verso l’alto gli scarti del metabolismo che ci sono nella linfa alleggerendo, allo strsso tempo, gli arti inferiori, cosce e gambe. Tutto ciò provoca dei miglioramenti al livello estetico ma anche fisico con una sensazione di leggerezza alle gambe.

 

Ridurre Rughe e Smagliature con i Massaggi con Olio Essenziale

Gli olii essenziali possono essere utilizzati in molte maniere, soprattutto per i massaggi. Oggi vogliamo concentrare la nostra attenzione su quelli che riescono a ridurre o comunque attenuare cellulite, smagliature e rughe della pelle.

La cellulite è causata dalla ritenzione idrica che si forma a causa di una cattiva circolazione sanguigne e linfatica; le smagliatura rappresentano un micro lacerazione della cute a causa di scompensi ormonali o cambi repentini di peso. Le rughe si formano in maniera irreversibile con il passare del tempo, sono più marcate in coloro che hanno stili di vita non corrette.

Cos’è un olio essenziale

Può essere una serie di molecole di un chimico , un profumo per un profumatore o la quintessenza o lo spirito di una pianta di un alchimista. In realtà un olio essenziale è l’insieme di tutte queste cose perché è un prodotto fragrante e volatile , si compone di componenti provenienti da alberi e piante che gli conferiscono una specifica proprietà.

Si definiscono sostanze “volatili” perchè evaporano molto rapidamente. Ecco perché è necessario conservarli in maniera corretta, chiusi e in un ambiente fresco per far sì che mantengano intatti i loro principi attivi .

In generale , il principio aromatico delle piante si trova in minuscole goccioline che si formano nei cloroplasti delle foglie, vale a dire in quegli organi in cui avviene la fotosintesi . Essi si combinano successivamente con il glucosio e vengono trasportati a tutte le parti della Piante. Un olio essenziale è una secrezione naturale che si verifica nella parte della foglia e corteccia.

A differenza degli oli vegetali, quelli essenziali non contengono grassi, sono solubili in olio e in alcool ma non in acqua.

Quale usare per la cellulite

ogni giorno possiamo massaggiare le parti del corpo colpite dalla cellulite con una miscela composta da 25 ml di olio di mandorle dolci , 8 gocce di olio essenziale di limone e 8 gocce di olio essenziale di cipresso . Il massaggio dovrebbe durare almeno 5 minuti e dovrà essere eseguito da una leggera ginnastica che coinvolgerà le parti trattate.

È inoltre possibile utilizzare gli oli essenziali di origano , geranio , limone , ginepro, lavanda , pompelmo, cipresso o l’arancio amaro e il pompelmo (lipo-riducenti), il rosmarino e il pepe (stimolanti e drenanti); il geranio bourbon e l’ylang ylang (elasticizzanti e rassodanti). Scelto quello che fa per te, aggiungine 2-3 gocce alla crema anticellulite che spalmi sui cuscinetti tutti i giorni, mattino e sera. Una volta inalate, inoltre, le sostanze volatili si trasformano in impulsi nervosi che raggiungono il sistema limbico del cervello, influenzando il metabolismo.

olio smagliature

Contro le smagliature:

è molto difficile sbarazzarsi di questo inestetismo, ma è comunque possibile attenuarle ed effettuare opera di prevenzione .

Miscelare 12 gocce di olio essenziale di lavanda in 25 ml di olio base ( di rosa mosqueta Cile … ) . Applicare il preparato così ottenuto massaggiandolo direttamente sulle smagliature al risveglio e prima di coricarsi .

Contro le rughe:

Per prevenire la formazione delle rughe, quelle glabellari della fronte, zampe di gallina e del labbro e bocca è possibile realizzare in casa una crema giorno .

Utilizziamo 10cl di un olio di base ( jojoba,avocado, mandorla) e poi aggiungiamo 8 gocce di olio essenziale di rosa, 5 gocce di olio essenziale di lavanda e 2 gocce di olio essenziale di limone . Applicare la crema così ottenuta una volta al giorno , preferibilmente la sera , massaggiando per 5 minuti collo e viso .

Massaggio Shiatsu Anticellulite e contro la ritenzione idrica

massaggioanticelluliteLo Shiatsu è una forma di manipolazione che si effettua solo con l’ausilio di parti del corpo (mani, ginocchia, piedi, gomiti), senza nessun attrezzo, per perseguire uno stato di salute e benessere di chi lo riceve. Tra le varie applicazioni che si possono effettuare con questa tecnica c’è il massaggio Shiatsu anticellulite e per ridurre la ritenzione idrica. Lo scopo da raggiungere nel caso specifico è quello di stimolare la circolazione sanguigna e linfatica per favorire la depurazione dei tessuti intossicati da scorie e liquidi ristagnanti in particolare su gambe, cosce, polpacci e glutei. Il massaggio shiatsu per la cellulite inoltre ristabilisce il delicato equilibrio idrico dell’ organismo.

Un po’ di storia:
la parola shiatsu significa digitopressione. Questa tecnica di massaggio si sviluppa nell’ ottocento in Giappone e rielabora principi della medicina tradizionale cinese. Interviene sul KI, energia vitale interna che fluisce nel corpo scorrendo nei meridiani, canali che ci attraversano internamente. Lo shiatsu cerca di ristabilire il corretto scorrimento del KI attraverso esercizi e tecniche di massaggio che derivano dalla tradizione orientale e in parte anche da quella occidentale. Si ispira ad esempio alla teoria dei cinque movimenti, così come alla chiropratica e alla fisioterapia.

Colui che pratica il massaggio Shiatsu per la cellulite cerca di curare le cause del problema alla fonte, agendo sull’organismo in generale. Solo agendo sulla manipolazione di tutto il corpo, dalle spalle ai piedi, capisce dove si accumulano i ristagni di energia, agendo di conseguenza. Nel caso specifico se una paziente soffre di ritenzione idrica e presenta cuscinetti di cellulite localizzati le ostruzioni si presentano generalmente nei meridiani del rene e della vescica, organi deputati a stabilire il giusto equilibrio idrico e all’ eliminazione delle tossine dal corpo. Ma non solo. Anche il fegato è interessato perchè ricollegabile al metabolismo dei grassi e ai disturbi venosi e la vescica biliare che controlla l’energia di tutti gli altri meridiani.

Il terapeuta quindi interviene lungo il percorso di questi canali energetici con pressioni e manipolazioni concentrandosi nelle zone in cui avverte maggiore tensione.

Il massaggio shiatsu anticellulite dura circa 60 minuti. La persona si sdraia a terra su un materassino di cotone (il classico futon giapponese). L’ambiente è rilassante, con luci soffuse e spesso con musica dal ritmo lento e avvolgente. E necessario infatti che la paziente si rilassi per percepire le reazioni del corpo alle pressioni del terapeuta.

Nel primi dieci minuti del massaggio di solito lo specialista chiede alla persona informazioni generali sul suo stato di salute, sulle sua abitudini e sul suo stile di vita e poi notizie più specifiche su eventuali sintomi. Ogni seduta si adatta infatti alle esigenze individuali: la cellulite e la ritenzione idrica hanno cause, localizzazioni e caratteristiche di volta in volta differenti.

La manualità del massaggio interessa sempre tutto il corpo perché segue come detto l’intero percorso dei meridiani associati al disturbo. Esistono varie tecniche di manipolazione shiatsu, che si differenziano per i punti a per i metodi di pressione. La più antica prevede l’uso esclusivo dei palmi sovrapposti e dai polpastrelli e interviene in prossimità dai punti di agopuntura situati lungo i meridiani. La più recente, invece, interviene lungo tutto il meridiano utilizzando i palmi anche singolarmente e poi i gomiti e le ginocchia, per sciogliere con maggiore facilità anche i punti dove il blocco energetico è più grande.

Prezzo di un massaggio shiatsu anticellulite: circa 50 euro, necessarie almeno 5-6 sedute con cadenza settimanale per vedere i primi risultati.

Il massaggio anticellulite, come farlo da soli

massaggioanticelluliteE’ uno dei rimedi più economici per combattere la panniculopatia edomo fibro sclerotica, quello più facilmente realizzabile e alla portata di tutti, stiamo parlando del massaggio anticellulite. Lo propongono i centri estetici, le spa benessere, i centri termali, ma si può realizzare anche da soli, in casa. Basta procurarsi una buona crema anticellulite o fai da te e seguire delle regole molto semplici, vediamo quali.

Massaggi anticellulite per pancia e addome:
bisogna mettere una piccola quantità di crema al centro della pancia dopodichè si effettua un massaggio circolare, non molto energico ma nemmeno così blando. Il movimento è dal basso verso l’alto a coprire la parte interessata dalla cellulite fino a far assorbire la crema dal corpo.

Di solito dura 2 o 3 minuti e prima di iniziare a massargi vi consigliamo di effettuare una doccia o un bagno freddo, serve per riattivare la circolazione. Senza arrivare a fare una “doccia scozzese” gelata possiamo impostare la temperatura dell’ acqua a circa 23 gradi. Ciò servirà a contrarre in maniera benefica i vasi sanguigni che irrorano il tessuto cutaneo.

Massaggio anticellulite per Gambe e glutei:
in questo caso partite appoggiando un piede sul bordo della vasca, dopodichè stendete una noce di crema sulla caviglia. Si parte dal basso per salire su fino al sedere. Con dei piccoli movimenti circolari si va su’fino al ginocchio, un po’ come avviene con il massaggio linfodrenante, esercitando una leggera pressione sul polpaccio. Applicate un altro po’ di crema sui glutei ed effettuate gli stessi movimenti, pizzicate leggermente la pelle nelle zone più interne dei glutei.

Qui sotto potete vedere un video in inglese su come effettuare un massaggio da soli anticellulite. La ragazza nelle riprese video utilizza una coppa vacuum per creare un effetto ventosa eper meglio stimolare la cute.

Questi sono soltanto dei piccoli accorgimenti da tenere a mente prima di utilizzare una crema. Di massaggi anticellulite ne esistono moltissimi, il più famoso, quello inventato dal Dr Vodder negli anni 30 è il linfodrenaggio, si tratta di un massaggio molto leggero effettuato con movimenti rotatori e circolari, in questo caso però bisogna affidarsi a dei professionisti dell’ estetica o della medicina. Buon massaggio.