Rimedi per la ritenzione idrica, causa della cellulite

rimediritenzioneidricaUna delle principali cause della formazione della cellulite è la ritenzione idrica. Nelle parti colpite da pannicolopatia si crea una stasi di liquidi che dà luogo ad una degenerazione del tessuto connettivo che sviluppa proprio il nostro inestetismo.

Perchè si forma la ritenzione idrica? Questo fenomeno dipende dallo squilibrio tra la quantità di potassio che si trova all’ interno delle cellule e la quantità di sodio presente nel liquido che circola all’esterno delle cellule stesse, ovvero il liquido interstiziale. Il problema quindi riguarda la proporzione di potassio e sodio che dovrebbe essere uguale per permettere all’ organismo gli scambi necessari.
Quando si crea una sproporzione fra questi due componenti, ad esempio è presente un’abbondanza di sodio, l’organismo trattiene una quantità maggiore di acqua per ottenere una diluzione normale. In genere nel corpo umano non c’è carenza di potassio, se dovesse accadere provocherebbe sintomi ben piu’ gravi della ritenzione idrica che di solito sono legati alle cardiopatie.

Come capire se c’è ritenzione idrica?
Accade spesso che alcune donne, pur seguendo una dieta anticellulite o un regime ipocalorico, non perdano nemmeno un chilo oppure abbiano dei cali di peso importanti da un giorno all’ altro. Questi possono essere segnali dell’ esistenza di ritenzione idrica e non di grasso. Ce ne accorgiamo palpando la pelle che si presenta come un sacchetto flaccido e freddo. Per calcolare la quantità di sodio presente nel nostro corpo esistono delle analisi che si possono effettuare nei centri specialisiti (urine e sangue).Esiste anche un altro tipo di analisi che misura il valore dell’ aldosterone ovvero l’ormone che regola l’equilibrio dei liquidi che serve a determinare le cause della ritenzione idrica. Attenzione però, soffrire di ritenzione idrica non vuol dire che bisogna ricorrere ai diuretici ad ogni costo, un abuso di questi farmaci può invece scatenarla.

Il fenomeno della ritenzione idrica è piu’ presente durante l’estate perchè ovviamente con il sudore e la traspirazione si eliminano piu’ liquidi e sali minerali di quanti se ne reintegrano, ecco perchè è importante bere molto, soprattutto per coloro che soffrono di cellulite.

Rimedi per la ritenzione idrica:
Prima di tutto dobbiamo ridurre l’apporto di sodio. Quindi no ai cibi salati e all’ uso del sale come condimento. Poi è necessario bere molto, almeno 2 litri di acqua al giorno, controllate il tipo di acqua che assumete, deve essere povera di sodio, ma non esagerate. Le acqua ricche di sodio contengono ad esempio 100mg per litro, significa 0,2 grammi per 2 litri. Non è nulla se confrontato con 100 grammi di bresaola, il cibo preferito da chi fa dieta, che ne contiene quasi 2 grammi. Quindi per il sale concentratevi piu’ sui cibi come formaggi, prosciutto, cibi in scatola ecc, questi sono da evitare. Assumente invece alimenti poco raffinati e ricchi di fibre che vi evitano la stitichezza, ma soprattutto svolgete regolare attività fisica (preferibilmente aerobica e all’ aperto, oppure attività mirate come acquagym o gymbike), anche una semplice passeggiata giornaliera di almeno mezz’ora va bene.

I cerotti anticellulite, come funzionano?

cerotticelluliteI cerotti anticellulite fanno parte di uno dei tanti rimedi naturali per combattere il nostro inestetismo. Lo consideriamo tale perchè i componenti che vengono rilasciati sono principi attivi derivati da erbe o prodotti naturali. Sono molte le aziende cosmetiche che commercializzaono questi cerotti. Di solito il principale ingrediente contenuto è rappresentato dalla caffeina, ma ci sono anche carnitina, fucus, Camelia Sinensis, te verde, edera, chiodi di garofano.

Si è sempre creduto che la caffeina abbia una specie di funzione di “liposuzione chimica” visto che brucia le cellule di grasso e agisce come vasodilatatore. Per questo aumenta il flusso sanguigno del corpo fluidificando la circolazione. Una circolazione fluida evita la formazione dei ristagni che sono alla base di formazioni cellulitiche.Ha poi proprietà antiedematose, ma non solo. La caffeina stimola anche la circolazione degli acidi grassi nel tessuto adiposo.

A questo punto la domanda lecita è: ma se bevo tanti caffè riduco la cellulite? No perchè l’assunzione via bocca della caffeina non raggiunge le zone colpite dalla cellulite ma viene assorbita prima di raggiungere le zone nodulari.
Alcuni cerotti anticellulite contengono invece il Fucus vesiculosus e il Rhodysterol. Sono alghe marine che si trovano nei mari del Nord Europa, la loro funzione è quella di accelerare il metabolismo e bruciare il grasso nelle zone in cui i patch anticellulite vengono applicati. Stimolano anche la lipolisi e contrastano la ritenzione idrica grazie alla loro azione drenante.

Come funzionano i cerotti anticellulite? Di solito vanno applicati sulla parte colpita dall’ accumulo cellulitico (uno al giorno) per 24 ore oppure prima di andare a dormire lasciandoli agire per tutta la notte. E’ necessario tenerli su per tutto quanto il tempo indicato sul bugiardino delle istruzioni del prodotto perchè il rilascio dei principi attivi è molto lento anche se l’assorbimento è influenzato dal grado di idratazione cutanea che varia da individuo a individuo.
I prezzi dei cerotti anticellulite variano da produttore a produttore. Sono tante le marche: patch Planter’s, Sauber, L’Oréal, Roeder ecc. Di solito una scatola da 10 cerotti per la cellulite viene venduta in farmacia a 30/40 euro, risparmiate qualcosina se li trovate nella grande distribuzione.