Combattere la Cellulite in Inverno Come Fare

Per combattere la cellulite ci si deve preparare fin dall’ inverno in modo da avere più tempo a disposizione ed arrivare preparate in primavera e all’ appuntamento estivo. E’ comunque durante la stagione fredda che gli accumuli di cellulite si intensificano, ci muoviamo di meno favorendo il ristagno ed il gonfiore delle gambe.

Le basse temperature inoltre portano ad una vaso costrizione sanguigna, un’ossigenazione limitata dei tessuti ed un drenaggio più difficile e lento dei liquidi linfatici che non fanno che peggiorare la cellulite.cellulite invernale

Alimentazione invernale contro la cellulite

Partiamo dal cibo. Durante le feste normalmente si esagera in dolciumi, ora dobbiamo ridurre sia l’apporto di calorie che quello di zuccheri contenendo il consumo di carboidrati, pasta-pane, non eliminandoli però del tutto perchè sono i mattoni energici della nostra vita quotidiana.

Oltre a eliminare alimenti che garantiscono un’alimentazione sana e bilanciata, vi perderete anche un alleato nel processo di dimagrimento. Troppi pochi carboidrati possono portare il corpo a non essere in grado di funzionare bene e vi lasceranno una sensazione di stanchezza.Troppi vi porteranno però ad avere troppa energia e non avrete quindi bisogno di bruciare grassi. Trovate l’equilibrio e rimanete fedeli a carboidrati a rilascio lento invece di quelli amidacei.

Preferiamo proteine di origine vegetale come legumi a quelle animali (carne e formaggio). Abbondiamo con cibi ricchi di acqua, quindi verdura e frutta a volontà. Non dimentichiamoci di bere tanta acqua, almeno un litro e mezzo d’inverno.

Sentirete spesso i nutrizionisti o gli esperti di alimentazione parlare di energia a lento rilascio, indice glicemico basso o carboidrati complessi. Questi sono tutti assimilati in modo lento dal corpo e non causano picchi verso l’alto (e conseguentemente verso il basso) degli zuccheri nel sangue. Il glucosio instabile è causa di stanchezza, fatica e incremento nella voglia di alimenti e bevande zuccherine. Il consumo di zucchero porta al rilascio di insulina che incoraggia a conservarli sotto forma di grasso, l’esatto opposto di quello che vorreste ottenere. Gli alimenti ricchi di minerale cromo e i relativi integratori possono stabilizzare il livello di zucchero nel sangue.

Sport da praticare contro la cellulite

almeno un’ora di attività al giorno. D’inverno fa freddo e non si ha molta voglia di stare all’ aria aperta, ma ci sono le palestre oppure le piscine, sull’ importanza del nuoto per combattere la cellulite ne abbiamo già parlato così come della ginnastica.

Il pilates può aiutarvi a trovare e ad attivare muscoli che si trovano nei glutei e nelle gambe. Non solo rafforzerà i muscoli delle gambe, ma aumenterà anche l’elasticità dei vostri movimenti, aiutando a ridurre il rischio di infortuni che possono essere causati da uno sforzo ripetuto e costante.

Le creme ed i Trattamenti durante la stagione fredda

quelle cosmetiche aiutano, anche se in alcuni casi non fanno moltissimo. Controlliamo sull’ Inci dell’etichetta che contengano caffeina o di teobromina, sostanze ad azione vasodilatatoria che aiutano il drenaggio linfatico. Principi attivi validi sono anche la centella asiatica, il tarassaco, il fucus che proteggono il micro circolo e aumentano la diuresi, ma che da soli non risolvono a sconfiggere definitivamente la cellulite.

Iodase e Somatoline sono creme considerate “farmaco” anche se vendute senza ricetta medica in farmacia. Contengono levotiroxina, componente utilizzato per chi soffre di ipotiroidismo, e quindi da usare con la massima cautela.

Altri trattamenti estetici come la radiofrequenza estetica o la cavitazione estetica sono molto validi ma attenzione al macchinario che si usa e al professionista che se ne occupa. In Italia i centri estetici non possono proporla se non è un medico che la manovra, quindi diffidate dagli estetisti.

Ci sono anche i massaggi e la mesoterapia (le punture locali di un mix di sostanze riducenti da realizzare sotto stretto controllo medico), i bendaggi freddi, la pressoterapia, fino ai trattamenti più nuovi, sempre di sola competenza medica come il Proshock Shape, che favorisce il drenaggio e la riduzione del volume delle cellule adipose, rimodellando la figura.

Se ti piace Condividi...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someoneShare on LinkedIn

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *