Coppette Cellulite funzionano o no?

Si chiama coppettazione ed è un’antica forma di medicina alternativa in cui un terapeuta pone delle speciali coppette sulla cute per alcuni minuti per creare un “vuoto”. Pensate ad una ventosa che si attacca alla pelle e la aspira creando una piccola bolla d’aria interna. Le coppette celllulite vengono utilizzate per combattere la pelle a buccia di arancio che si forma in alcune zone del copro come fianchi, addome, glutei, cosce.

La coppettazione è usata anche per altri scopi, ad esempio per alleviare il dolore, le infiammazioni, migliorare il flusso sanguigno e linfatico che dà vita alla ritenzione idrica ed in genere anche per il rilassamento ed il benessere quotidiano. Viene usata ed integrata anche come un profondo massaggio del tessuto.

La terapia di coppettazione potrebbe essere considerato un fatto di moda. Star come Gwyneth Paltrow, Jennifer Aniston (vedi l’articolo sulla cellulite dei vip) ma anche il nuotatore Michael Phelps utilizzano questa terapia, basta guardare il rossore sulla pelle nelle apparizioni pubbliche. Ma c’è una tradizione millenaria: risale alle antiche culture egiziana, cinese e del Medio Oriente. Uno dei più antichi libri di medicina del mondo, il papiro Ebers, descrive come gli antichi egizi usavano la terapia di coppettazione già nel 1.550 a.C.

coppettazione fianchi

coppettazione fianchi il cerchio rosso che si crea sulla pelle dovuto alle coppette

Come agisce

La suzione provocata dalle coppette combatte produzione di edemi, subedemi e microlesioni promuovendo la microcircolazione sanguigna e linfatica. Quest’ultima è la causa principale della ritenzione idrica, ovvero il ristagno di linfa negli arti bassi che provoca la cellulite. La stimolazione riattiva la circolazione e migliora l’aspetto della cute. La stimolazione delle fibre, inoltre, ha un’azione antalgica, quindi riduce anche il dolore localizzato.

Come funziona

le coppette utilizzate per la terapia possono essere realizzate in :

  • silicone
  • vetro
  • terracotta
  • bamboo
  • plastica

Se vi recate in uno studio specialistico il terapeuta metterà una sostanza infiammabile come alcol o alcuni tipi di erbe nella coppetta dove verrà bruciata. Quando il fuoco si spegne la pone sulla pelle.

Mentre l’aria all’interno della tazza si raffredda si crea il vuoto. Questo fa alzare e arrossire la pelle perchè i vasi sanguigni si espandono. La coppetta viene generalmente lasciata sulla cute per un massimo di 3 minuti.

Una versione più moderna della coppettazione fa uso di una pompa di gomma al posto del fuoco per creare il vuoto all’interno della tazza. A volte i terapeuti usano tazze di silicone, che possono spostarsi da un posto all’altro sulla pelle per un effetto simile a un massaggio.

La coppa a umido crea una leggera aspirazione lasciando una tazza in posizione per circa 3 minuti. Il terapeuta rimuove quindi la tazza e usa un piccolo bisturi per fare tagli leggeri sulla pelle. Successivamente fa una seconda aspirazione per estrarre una piccola quantità di sangue. In questi casi si usa un unguento antibiotico e una benda per prevenire l’infezione. Lapelle dovrebbe apparire di nuovo normale entro 10 giorni.

I sostenitori della terapia credono che la coppettazione a umido rimuova le sostanze nocive e le tossine dal corpo per promuovere la guarigione. Ma questo non è comunque dimostrato. Alcune persone usano la coppettazione in congiunta con l’agopuntura, in questo caso il terapeuta inserisce prima gli aghi e poi li copre con la coppetta.

Se facciamo da soli, in casa, ricordiamo che la coppetta si utilizza sulla pelle umida, dobbiamo applicare olio o una crema per lo scorrimento. Dobbiamo creare il risucchio pizzicando la pelle, quindi i movimenti da fare sono dal basso verso l’alto per le gambe e circolari per cosce e glutei.

coppettazione cellulite

Funziona o no?

Esistono prove scientifiche iniziali che la coppettazione a secco è in grado di ridurre il dolore muscolo-scheletrico e migliorare la circolazione, ma non è ancora regolamentata dal punto di vista medico. Non ci sono regolamenti nemmeno per coloro che la effettuano quindi dobbiamo scegliere con cura lo specialista a cui ci affidiamo. Ovviamente in caso di adiposità localizzata molto importante con pelle a buccia d’arancio marcata è poco efficacie, in questi casi optate per una lipoaspirazione cellulite.

Un rapporto, pubblicato nel 2015 sul Journal of Traditional and Complementary Medicine, osserva che potrebbe essere d’aiuto anche per problemi di acne, ed herpes zoster. Ricercatori australiani e cinesi hanno esaminato 135 studi sulla coppettazione. Hanno concluso che la terapia è efficace specie se si utilizzano altri trattamenti come l’agopuntura o i farmaci, per varie malattie e condizioni, come ad esempio:

  • Fuoco di Sant’Antonio
  • Acne
  • Paralisi facciale
  • Spondilosi cervicale
  • Disturbi del sangue come anemia ed emofilia
  • Malattie reumatiche come l’artrite e la fibromialgia
  • Fertilità e disturbi ginecologici
  • Problemi di pelle come eczema (attenzione in questi casi ci possono essere problemi di ulcere come documentato da questa ricerca)
  • Alta pressione sanguigna
  • emicrania
  • Ansia
  • Congestione bronchiale causata da allergie e asma
  • Vene varicose

coppettazione cosce

Effetti collaterali

La coppettazione è abbastanza sicura, a condizione che tu vada da un operatore sanitario qualificato. La coppettazione a secco sembra essere per lo più sicura finché viene eseguita correttamente, ma può comunque causare gravi lividi.

La coppettazione a fuoco è un po ‘più pericolosa perché le tazze possono bruciare la pelle se sono troppo calde, ma nel complesso è sicura quanto la coppettazione a secco.

La coppa umida, d’altra parte, è sempre pericolosa perché è fondamentalmente un salasso moderno, che comporta un rischio di infezione e cicatrici permanenti.

Potresti avere questi effetti collaterali nell’area in cui le tazze toccano la tua pelle, ad esempio:

  • lividi
  • rossori
  • lievi bruciatore
  • infezioni della pelle
  • contusioni.
Se ti piace Condividi...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someoneShare on LinkedIn

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *