Gambe, Caviglie e Piedi Gonfi, perchè e come si combattono

Specialmente con il caldo, d’estate, ma anche all’ estremo opposto in inverni particolarmente freddi si è più soggetti ad avere gambe, caviglie e piedi gonfi. Il fenomeno, se non si tratta di problematiche cardiache, renali o epatiche è legato ad un’insufficienza venosa che porta al ristagno di liquidi linfatici e sanguigni che prende il nome di ritenzione idrica.

Differenza tra gonfiore e pesantezza di una gamba: quest’ultima si associa alla stanchezza, non ha nulla a che vedere con il gonfiore che invece si manifesta in maniera evidente ed oggettiva. Ad esempio con la gamba gonfia oppure quando una caviglia risulta più grande dell’ altra; spesso compare in associazione dolore o bruciore sotto la pianta del piede.

Per capire se si tratta di gonfiore si può comprimere con un dito la parte interna della caviglia per 10 secondi; ciò dovrebbe provocare un avvallamento della pelle che rimane per qualche minuto, questo è indice di accumulo di liquidi.

Gambe pesanti e gonfie: il  motivo è legato spesso ad una malattia venosa cronica, in ogni caso non ci dobbiamo preoccupare più di tanto, devono fare attenzione le persone in età avanzata però, potrebbero essere i sintomi di una malattia cardiaca,renale o epatica.

Cause di gambe e piedi gonfigonfiore piedi

Se passate gran parte della giornata in piedi potreste soffrire di gonfiore agli arti inferiori. Anche l’età avanzata contribuisce a questo stato di cose con la circolazione sanguigna e linfatica che non è perfetta.

Anche alcune condizioni mediche possono  provocare gonfiore a gambe, piedi e caviglie. Questi includono:

  • peso eccessivo corporeo
  • insufficienza venosa
  • gravidanza
  • artrite reumatoide
  • coaguli di sangue nella gamba
  • insufficienza cardiaca
  • insufficienza renale
  • infezione alle gambe
  • insufficienza epatica
  • linfedema o gonfiore causato da un blocco nel sistema linfatico
  • precedente intervento chirurgico, come la chirurgia pelvica, dell’anca, del ginocchio, della caviglia o del piede

L’assunzione di determinati farmaci può portare a questo sintomo. Questi includono:

  • antidepressivi, inclusi fenelzina , nortriptilina  e amitriptilina
  • bloccanti dei canali del calcio usati per trattare l’ipertensione, compresa la nifedipina, amlodipina  e verapamil
  • farmaci ormonali, come pillole anticoncezionali, estrogeni o testosterone
  • steroidi

Il gonfiore alla caviglia e alla gamba potrebbe essere il risultato di un’infiammazione dovuta a lesioni acute o croniche. Le condizioni che possono causare questo tipo di infiammazione includono:

  • distorsione della caviglia
  • osteoartrite
  • gotta
  • gamba rotta
  • Rottura del tendine d’Achille

Edema

L’edema è un tipo di gonfiore che può verificarsi quando il fluido extra scorre in queste aree del tuo corpo:

  • gambe
  • braccia
  • mani
  • caviglie
  • piedi

L’edema lieve può essere causato da gravidanza, sintomi premestruali, consumo di troppo sale o essere in una posizione per lungo tempo. Questo tipo di gonfiore alle gambe o alle caviglie può essere un effetto collaterale di alcuni farmaci, come ad esempio:

  • tiazolidinedioni (usati per il trattamento del diabete)
  • farmaci per l’ipertensione
  • steroidi
  • farmaci anti-infiammatori
  • estrogeni

L’edema può essere un sintomo di un problema medico più serio, come ad esempio:

  • malattia renale o danno
  • insufficienza cardiaca
  • vene che sono deboli o danneggiate
  • un sistema linfatico che non funziona correttamente

L’edema lieve di solito scompare senza alcun trattamento medico. Tuttavia, se hai un caso più grave di edema, può essere trattato con farmaci.

Rimedi per il gonfiore

Rimedi per gambe gonfie: mettere i piedi in alto, oppure fare dei bagni con acqua fredda che favoriscono la circolazione venosa specialmente dopo una lunga giornata trascorsa in maniera sedentaria stando molto tempo seduti. Durante la notte si può dormire con un cuscino sotto i piedi, i muscoli si rilassano e la circolazione si riattiva. Oppure fare una bella camminata. Anche una tisana depurativa detossificante è perfetta per eliminare le tossine.

Stato di edema: alla base di questo c’è un eccesso di ritenzione di liquidi in una zona determinata, ad esempio le caviglie. Nei casi più difficili gli edemi possono essere contrastati con i diuretici, ma solo sotto stretto controllo medico. In ogni caso i diuretici da una parte fanno buttare fuori i liquidi, ma dall’ altra parte il rene ritiene ancora di più.

I rimedi della nonna: se gli edemi sono dovuti a cose banali, come il troppo tempo rimasti seduti, basta alzarsi e camminare dolcemente. Se ci sono donne che hanno insufficienza venosa basta stare sedute con le gambe un po’ più alte.

Il sale: notoriamente ritiene i liquidi. In una dieta per combattere il gonfiore deve essere limitato, ricordando che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ne raccomanda al massimo 5 grammi al giorno per un giusto consumo. Attenzione quindi ai cibi salati (50 grammi di prosciutto considerato “saporito” possono contenerne tra i 2 e 3 grammi). Non preoccupatevi invece dell’ acqua che contiene troppo sodio, è tutta “fuffa” del marketing,  per far si che il sodio contenuto nell’acqua diventi un problema bisognerebbe berne 100 litri al giorno.

Se il gonfiore è causato da una condizione medica come insufficienza cardiaca, il medico può prescrivere diuretici . Questi farmaci agiscono sui reni e li stimolano a rilasciare liquidi.

Se una patologia medica in corso come l’artrite reumatoide è la radice del problema, il trattamento può trasformarsi in gestione e prevenzione di tale condizione.

Gonfiore a causa di lesioni può richiedere il ripristino dell’osso, un getto o un intervento chirurgico per curare l’area ferita. Per un gonfiore doloroso, un medico può prescrivere un antidolorifico o farmaci antiinfiammatori da banco, come l’ibuprofene  o il naproxen sodico . Un leggero gonfiore della gravidanza o un lieve infortunio di solito scompare da solo dopo la consegna del bambino o con un riposo sufficiente.

 

 

Se ti piace Condividi...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someoneShare on LinkedIn

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *