La cellulite dopo il parto Cosa fare per Eliminarla

La cellulite dopo il parto colpisce non poche donne che spesso si trovano a dover prendere atto di antiestetiche modificazioni del corpo. Non parliamo qui dei tessuti o dei lievi aumenti che sono eventi del tutto normali e transitori.

Parliamo, invece, di situazioni più marcatamente disfunzionali quali alterazioni del tessuto dovute a rilevanti infiltrati di cellulite, smagliature, disturbi circolatori e ristagno linfatico che danno luogo a vere e proprie alterazioni della forma. C’è poi da riequilibrare un corpo che è aumentato in pochi mesi di 20-25 chili e che può aver dato vita a quelle fastidiose lacerazioni, le smagliature.

Con accumuli particolarmente accentuati sul ventre, nelle cosce, nei fianchi. La cellulite dopo il parto, con la sua specifica localizzazione nelle suddette zone, va quindi ad ingrassare la parte inferiore , creando spesso una disarmonia della figura davvero antiestetica.  Dato che la cellulite si sviluppa nella parte bassa del corpo, possiamo trovare un nesso che collega queste zone ad una perdita della femminilità. Eliminarla è possibile anche se non sempre è così facile, ha volte impossibile.

Nel periodo della gestazione il nostro essere “donna” è stato strettamente legato a quello di essere “mamma”, il lato femminile concentrato esclusivamente per la procreazione. Quando abbiamo partorito fatichiamo a riprenderci quel lato “intimo” della nostra femminilità e la cellulite post parto rappresenta ancora di più un grosso ostacolo per la ripresa della nostra autoaffermazione.

Lo squilibro ormonale durante la gestazione non ha di certo aiutato poi a combattere il fenomeno della cellulite, ma non ha compromesso comunque la nostra capacità di affrontarla definitivamente.

cellulite-dopo-gravidanza

La resa non è mai onorevole. Il consiglio innanzitutto è quello di riappropiarsi del proprio spazio di femminilità. Recuperare  piccoli spazi da dedicare a se, anche se si tratta solo della semplice lettura di un buon libro, la visione di un film o l’ascolto di musica rilassante.

L’ attivita fisica è importantissima, abbassa il nostro bilancio calorico ed evita l’accumulo di grasso. Basta poco, camminare in maniera svelta tutti i giorni per mezz’ora ad esempio può essere considerato un buon inizio. Se invece il vostro fisico è stato profondamente minato dal parto tanto da non riuscire più a riprendere la forma iniziale maggiore aiuto potrete averlo dal vostro medico.

I rimedi

come combattere la cellulite in gravidanza o dopo il parto? le creme anticellulite possono andar bene se la cellulite non è così massiccia e necrotizzata, profonda. Attenzione all’ uso di lozioni come Somatoline e Iodase che nel periodo dell’ allattamento che segue al parto sono sconsigliate, ma anche quando siete incinta, contengono levotiroxina, che seppur usato topicamente viene assorbita in maniera minima, influisce sul lavoro della tiroide.

Agopuntura: È un modo per stimolare le capacità di guarigione del corpo e aiuta con un sacco di problemi. E non fa male.

Un massaggio linfodrenante che riattiva la circolazione sanguigna e linfatica può essere molto utile per combattere la ritenzione idrica e di conseguenza la cellulite.

Se durante il parto avete camminato poco è l’ora di iniziare a fare delle lunghe camminare che favoriscono la circolazione sanguigna e migliorano quella linfatica. Prima di passare ad interventi piú invasivi cercate di agire sull’alimentazione che deve essere ricca di fibre, frutta e verdura. Acqua, berne molta.

alimenti da evitare:

  • cibi trasformati. Ciò include cracker, cibi confezionati, merendine, ecc
  • bibite con alcool
  • Zucchero. 

Alimenti utili per te e il tuo bambino

  • Grassi buoni: olio di cocco, olio di oliva spremuto a freddo, noci, ecc
  • Verdure a foglia verde: cavoli, spinaci, asparagi e il resto della famiglia
  • La carne occasionale – il pascolo si alza solo. Organico non significa niente Pascoli sollevati significa che non sono stati nutriti con soia e grano, che verrebbero passati su di voi mangiando la loro carne.

Cerca di avere una routine di movimento sana. Puoi pensare a queste attività:

  • Yoga in gravidanza
  • Camminate (anche in salita)
  • Esercizio nell’acqua

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here