Liposuzione Laser Funziona? Costi e trattamento

La medicina estetica fa costantemente passi in avanti non solo per migliorare i risultati finali, ma anche per rendere meno dolorose e rischiose le procedure. E’ il caso delle liposuzione, l’ intervento di chirurgia per correggere gli inestetismi piú effettuato al mondo. La liposuzione laser, chiamata anche Smartlipo o Slimlipo, è una delle novità dell’ ultimo decennio e consente di ridurre l’adipe in eccesso localizzato su parti come braccia, collo, gambe, addome e glutei. Non dobbiamo comunque considerarla come una procedura per combattere l’obesità.

Come avviene la Liposuzione Laser

La liposuzione laser assistita è stata approvata dalla Fda statunitense nel 2006 e poi è approdata anche in Italia. In pratica ogni cannula è dotata in punta di un emettitore laser. Quando questa viene introdotta nella zona da trattare, quella che presenta l’adipe in eccesso, produce calore termico proprio grazie al laser. La funzione della luce è quella di “sciogliere” il grasso che viene poi drenato all’ esterno attraverso l’aspirazione delle cannule.

foto_prima_dopo_liposuzione

Quale è il vantaggio dell’ utilizzo del laser? La rottura degli adipociti, cellule del grasso, avviene in maniera piú leggera rispetto alla liposuzione classica, quella tumescente. Ci sarà quindi meno sanguinamento, un decorso operatorio piú veloce e risultati giudicati migliori. In alternativa al laser possono essere utilizzati gli ultrasuoni, Liposuzione UAL , che producono calore termico, anche in questo caso in grado di far implodere gli adipociti.

Prezzi

non c’è molta differenza in termini di costo rispetto ad una liposuzione classica. Per gambe, glutei ed addome si spendono circa 5000 euro, ovviamente dipende dal professionista che esegue l’operazione.

Controindicazioni

La preparazione pre operatoria, quindi le analisi da effettuare come quelle del sangue, urine, elettrocardiogramma, lastra toracica sono le stesse della liposuzione. Identici anche gli effetti indesiderati ed i rischi che vanno dalla formazione di lividi a piú gravi problematiche come trombosi, necrosi, sieromi che richiedono un’aspirazione, bruciatura della cute, imperfezioni della pelle.

Coloro che soffrono di diabete, cattiva circolazione del sangue, malattie cardiache, o malattie polmonari, renali non devono essere sottoposti alla procedura. Se si ha avuto di recente un altro intervento chirurgico nella zona da trattare, bisogna attendere fino a quando l’area è completamente guarita.

Liposuzione dopo la gravidanza

La gravidanza, come hanno sperimentato tutte le mamme, porta ad una trasformazione del corpo. Il ventre, che per 9 mesi ha ospitato il feto, dopo essersi teso, torna alla sua posizione normale. La pelle in molti casi si rilassa ed i chili in più che si sono accumulati non se ne vanno. La liposuzione può essere effettuata anche dopo un parto, sia in caso di gravidanza “naturale” sia che ci si sia sottoposti ad una FIVET (Fertilizzazione In Vitro con Embryo Transfer). E’ importante però prendere delle precauzioni.

Innanzitutto è da escludere il periodo immediatamente successivo al parto e anche quello dell’ allattamento che può durare anche 15-18 mesi, dipende dalla volontà della mamma di dare latte materno al piccolo.

Il rischio numero uno è rappresentato dall’ anestesia generale CHE NON è COMPATIBILE CON L’ALLATTAMENTO. L’agente anestetico somministrato per via endovenosa andrebbe a finire direttamente nel latte materno. Per cui è meglio aspettare, anche perchè il decorso operatorio, seppur breve, limita le normali attività di una mamma.

Dopo l’operazione, infatti, i bendaggi compressivi applicati nella zona trattata devono essere tenuti per un periodo compreso tra due e quattro settimane. Queste bende non sono idonee da mantenere durante la gravidanza in quanto possono limitare il flusso sanguigno, soprattutto quando applicate alla zona addominale.

Il gonfiore inoltre può protrarsi anche per due mesi . Gli effetti finali della liposuzione si concretizzano invece sei mesi dopo l’intervento.

La preparazione per l’operazione:
prima della liposuzione si consiglia di arrivare il più vicino possibile al proprio peso ideale. La liposuzione non è una tecnica per combattere l’obesità, riesce solo a rimuovere il grasso in eccesso che però potrebbe tornare se non si segue un modello alimentare e di vita idoneo.

Una valutazione preoperatoria è condotta in conformità con le normative mediche e l’anestetista vi osserverà almeno 48 ore prima dell’intervento.

Opinioni

su Pubmed, potete consultare il testo originale,  sono stati pubblicati i risultati di uno studio effettuato su 20 donne con età compresa tra 44 e 66 anni sottoposte ad un singolo trattamento con liposuzione laser alle braccia, lipolisi laser.

Si è valutata l’efficacia e la sicurezza della procedura con utilizzo di laser Yag da 1064 nm con potenza di 10 Watt confrontandola con la classica liposuzione tumescente. La cannula utilizzata per la lipoaspirazione era da 1 mm introdotta attraverso un’incisione sulla cute. Il grasso liquefatto con l’utilizzo del laser è stato rimosso mediante aspirazione. I soggetti sono stati valutati dopo 6 mesi dall ‘intervento .

RISULTATI:
E’ stato osservato un miglioramento clinico nella maggior parte dei soggetti. I risultati a 6 mesi erano superiori rispetto a quelli osservati ad 1 mese. Le osservazioni cliniche sono state suffragate prendendo le misure che hanno evidenziato una riduzione media della circonferenza del braccio in seguito al trattamento. Non sono stati osservate significative complicanze indotte dal trattamento, sebbene pure la procedura senza l’utilizzo del laser abbia prodotto risultati simili. L’esame istologico ha evidenziato la rottura degli adipociti e la prova del lavoro termico dovuto al laser.

CONCLUSIONE:
La liposuzione laser assistita è risultata essere una procedura sicura ed efficace per la rimozione del grasso localizzato.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here