Smagliature in Gravidanza Rimedi Naturali

Ci sono molte cose dell’essere incinta e dell’avere un bambino che le donne ricorderanno per sempre, una di queste è ahimè rappresentata dalle smagliature. Ma perchè arrivano? Sulle cause delle smagliature ne abbiamo già parlato. Un po’ è la predisposizione, un po’ ci si mette lo squilibrio ormonale della gravidanza ed un po’ è la pelle che, essendo “tirata” (pensiamo a pancia ed addome oppure al seno quando si allatta), fa fatica a tornare alle dimensioni pre parto lasciando sul corpo le anti estetiche striature.

Le smagliature non hanno lo stesso aspetto. La comparsa delle stesse dipende dal colore della pelle; possono essere rosa, bruno-rossastro, marrone, o marrone scuro, e sbiadiscono nel tempo di un colore più biancastro.smagliature rimedi

Come sbarazzarsi delle smagliature? Quando arrivano è meglio trattarle il prima possibile. La ricerca si è concentrata sulle prime fasi della loro comparsa quando più prontamente rispondono al trattamento. Una volta che le smagliature passano la fase iniziale, quando sono di colore rosso o viola, per quelle successive, dove diventano bianche, spesso con rientranze profonde, sono molto più difficili da trattare. Durante la fase della gravidanza non si possono usare farmaci o creme invasive che possano nuocere al futuro bambino, quindi è obbligatorio usare sostanze naturali oppure rimedi fitoterapici.

Quando compaiono

iniziano a vedersi quando la pelle del pancione si tende, quindi la comparsa dipende dall’ elasticità della pelle della futura mamma. Potrebbe essere a 3 mesi come a 8 mesi quando si è imminenti al parto. Un ruolo importante è rivestito dai fattori ormonali: infatti, la pelle delle donne più giovani è maggiormente ricettiva all’attività ormonale, ma questo fattore tende a diminuire progressivamente con il passare degli anni.

Possono comparire non solo sull’ addome, ma anche sul seno che si ingrandisce pronto ad allattare.

Cosa fare per le smagliature

E ‘fondamentale idratare la zona dove compaiono, la pelle diventa più flessibile, e sarà maggiormente in grado di allungarsi quando è ben idratata.

Si raccomanda di idradarle tre o quattro volte al giorno con prodotti che contengono burro di cacao o burro di karitè come ingrediente principale. Massaggiamo in profondità quindi zone come il seno, pancia, fianchi, glutei.

Possiamo utilizzare:

Olio di germe di grano: non ci sono dati scientifici, ma sicuramente questo olio contiene vitamina E ed ha alte capacità emolienti e nutritive.

Acido glicolico: L’acido glicolico è un acido alfa idrossi. È molto probabile che lavori su smagliature, stimolando la produzione di collagene. L’acido glicolico può anche essere somministrato in dosi più elevate da un dermatologo.

Vitamina C: Alcune formulazioni di vitamina C possono aumentare la produzione di collagene e aiutare le smagliature nella fase iniziale. Per ottenere il massimo effetto, si combina con l’acido glicolico. Integratori con la Vitamina C integratori possono anche essere efficaci.

Rimedio naturale

Ingredienti: olio d’oliva (acquistabile qualsiasi negozio di alimentari), olio di germe di grano contenente vitamina E (erboristeria), aloe vera in gel, lozione con rro di cacao, pillole di vitamina C, zucchero semolato . Spesa circa 10 euro.

Mescoliamo 1 cucchiaio di ogni olio e del gel e sbricioliamo 2 pillole di vitamina C. Con lo zucchero mescoliamo il composto e usiamolo per fare un scrub. Possiamo anche aggiungere del lime. Lasciamo asgiugare per una 15 di minuti, sarà appiccicoso quindi avremo bisogno di farci una doccia.

Possiamo fare questo scrub quante volte vogliamo durante la giornata. Particolarmente raccomandati per l’uso alcuni olii adatti a prevenire la formazione delle striature bianche o rosse, si va dal semplice olio di oliva al più utilizzato in assoluto dalle donne in gravidanza ovvero l‘olio di mandorle dolci. Ottimo anche l’olio di Argan e quello di germe di grano oppure di rosa mosqueta.

Se ti piace Condividi...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someoneShare on LinkedIn

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *